in:

Nonostante un contesto difficile, caratterizzato da una crisi globale che si trascina con poche prospettive di crescita dell’economia e una crisi dei consumi che ha visto diminuire il potere di acquisto delle famiglie, il Gruppo Granterre ha chiuso il 2009 con uno dei risultati più positivi degli ultimi 10 anni.

Un 2009 molto positivo per il gruppo Granterre, leader nel mercato del Parmigiano Reggiano, che centra il miglior risultato degli ultimi dieci anni: l’utile di esercizio del bilancio consolidato è stato di 3 milioni e 200mila euro, in crescita di 6 milioni di euro rispetto al 2008, con una riduzione dell’indebitamento finanziario netto di 33 milioni di euro. Al risultato hanno concorso diversi fattori: le performance delle vendite dei prodotti confezionati, il miglior andamento delle quotazioni del Parmigiano reggiano e la riduzione dei costi finanziari. Il fatturato consolidato è stato di 223 milioni di euro, il 13,5% è rappresentato dall’export, in crescita del 12% rispetto al 2008. Altro dato positivo quello sull’occupazione, in un anno così difficile, Granterre è riuscita a mantenere una sostanziale stabilità con 398 addetti in organico. Il 2009 è stato caratterizzato anche da un importante processo di semplificazione societaria che ha visto l’incorporazione in Parmareggio di Fiordalba e Bonlatte. Altre novità hanno riguardato la costituzione a Castelfranco della nuova cooperativa Bonlatte formata da 15 soci e si è concluso il processo di integrazione tra il consorzio Granterre e la Cooperativa casearia castelnovese. Iniziative tese a rinforzare la mission del gruppo, soddisfare il consumatore con prodotti di alta qualità valorizzando il prodotto dei soci.


Riproduzione riservata © 2017 TRC