in:

La Fondazione Campori si appresta a presentare le iniziative messe in campo per l’estate solierese 2010. Irrobustiti i servizi culturali e potenziate le attività per le politiche giovanili.

A pochi mesi dalla sua costituzione, la Fondazione partecipata Campori ha perfezionato la sua entrata in funzione e ora si appresta a presentare le iniziative messe in campo per l’estate solierese 2010. Progettata come uno strumento per gestire i servizi culturali e le politiche giovanili, in sinergia con le associazioni del territorio solierese e con l’Amministrazione comunale, la Fondazione presenta un carattere innovativo. È infatti un istituto di diritto privato che realizza una sorta di ibrido tra associazione e fondazione, la cui caratteristica principale risiede nella idoneità a realizzare una sintesi delle risorse personale, proprio delle associazioni, e dell’elemento patrimoniale, tipicamente presente nelle fondazioni. In questi giorni si sta perfezionando l’ingresso di due soci fondatori: si tratta dell’Arci Soliera e della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi che stanno ultimando l’iter formale per l’adesione. “A fronte di significativi tagli alla spesa per cultura e politiche giovanili sul bilancio comunale” spiega il sindaco Giuseppe Schena, “la Fondazione Campori riesce ad offrire un’offerta culturale rilevante, aumentando per quantità e qualità la nostra proposta estiva. Facciamo più cose spendendo meno. Mi preme rimarcare il carattere innovativo dello strumento, in grado di attrarre energie e intercettare risorse, anche economiche, in un periodo di difficoltà per le casse degli Enti locali.” Roberto Solomita, vicesindaco e presidente della Fondazione Campori, sottolinea come anche gli eventi più consolidati dell’offerta culturale solierese (la Fiera di San Giovanni e Arti Vive Festival), riescano a compiere un passo in avanti. “Quest’anno”, precisa Solomita, “ad Arti Vive Festival, oltre alla interessante programmazione che incrocia circo e teatro sperimentale, realtà locali con realtà esterne, il rock indipendente troverà un apice con il concerto del musicista e artista statunitense Devendra Banhart domenica 20 giugno, un evento di rilevanza extra-regionale. “Quanto alla Fiera, sottolineo la fruttuosa collaborazione con il Comitato organizzatore e l’aver irrobustito il dato culturale della manifestazione, già attrattiva per l’eccellenza gastronomica e la valorizzazione del territorio, sia tramite la scelta degli spettacoli (Giuliano Palma, Banda Osiris, etc) che attraverso gli incontri con l’autore (Caterina Soffici, don Antonio Sciortino,etc) organizzati in collaborazione con il Forum per il volontariato solierese.” Nel mese di luglio Soliera ospiterà il Festival Mundus, con quattro serate dedicate alla musica del mondo e fra queste vale la pena segnalare il concerto di Sarah Jane Morris venerdì 16 luglio. Mentre anche per l’autunno sono in via di definizione importanti sinergie con il comune di Carpi. Quanto alle politiche giovanili, anche in quel caso la Fondazione consente passi in avanti: dal punto di vista del personale, si è provveduto all’assunzione degli operatori, ed è stato rinnovato il rapporto con Vita Futura per la gestione della ludoteca e degli spazi bimbi. Per l’estate, la novità è costituita dalla partenza dei Centri estivi anche nella frazione di Sozzigalli, dove in autunno partirà anche il Centro Giovani.


Riproduzione riservata © 2017 TRC