in:

La rivoluzione della sosta nel centro e nelle immediate vicinanze del cuore di Modena. Quando il parcheggio del Novi Sad sarà funzionante, sarà allargata la Ztl, permessi e posteggi saranno a pagamento e le piazze Sant’Agostino e Roma saranno liberate dalle auto. Stamattina l’amministrazione comunale ha presentato l’ambizioso piano. Vediamo cosa cambia.

Una rivoluzione della sosta che, se completata, cambierà radicalmente il modo di abitare, muoversi e spostarsi nel centro e nelle immediate vicinanze del cuore di Modena. Dopo le polemiche scoppiate sui permessi Ztl a pagamento, stamattina, l’amministrazione comunale ha presentato il piano di modifiche che saranno introdotte quando il parcheggio del Novi Sad sarà funzionante. E le novità sono davvero tante. A cominciare dall’estensione della Ztl a tutto il centro storico, ad eccezione di Corso Vittorio Emanuele e via Ganaceto, sino a viale Monte Kosica. Contestualmente l’anello del Novi Sad, largo Sant’Agostino e piazza Roma saranno totalmente pedonalizzate. Da quel momento i permessi Ztl e i posteggi in centro, anche per i residenti, saranno a pagamento, con aumenti già previsti a partire dal 2015. Il ticket di base sarà di 50 euro e varierà in base al numero di auto per famiglia e alla dimensione del mezzo. Per i nuclei in difficoltà è, invece, previsto l’esonero totale. In più la zona di sosta a pagamento o a disco orario verrà allargata fino alle vie Ferrari, Menotti, Trento Trieste, Archirola, Medaglie d’oro, Sigonio, Giardini (per un breve tratto), Barozzi, Molza e Monte Kosica. Con tariffe divise in tre fasce, da 30 centesimi a 1 euro, e abbonamenti mensili da 20 euro. I permessi annuali per i residenti avranno un costo massimo di 30 euro. Obiettivo dell’amministrazione migliorare la vivibilità del centro e rendere più facile trovare parcheggio: “Perché un centro congestionato dal traffico e schiacciato dall’inquinamento acustico e ambientale non è vivibile” ha detto stamattina presentando il piano l’assessore alla mobilità Daniele Sitta. Modifiche che completano quelle degli ultimi anni, cominciate con l’introduzione del Citypass, che ha ridotto del 30% gli accessi, e con il potenziamento dei parcheggi destinati ai residenti. Tra interventi pubblici e privati, terminati e in corso, al termine in centro ci saranno 900 posti in struttura in più.


Riproduzione riservata © 2017 TRC