in:

Al Calvi di Finale Emilia presentato il progetto Centoscuole nel corso di un convegno sui 50 anni dell’istituto.

A scuola, hanno lavorato sulla coltivazione e l’estrazione delle fibre del kenaf, una pianta simile alla canapa che può essere usata come materiale fono e termoisolante per l’edilizia, e sui manufatti in terra cruda. Una sinergia, quella tra agricoltura e bioedilizia, presentata nel corso di un importante convegno al Calvi di Finale Emilia, in occasione del 50esimo di vita dell’istituto. E’ stata quella l’occasione per presentare il progetto che ha visto l’istituto agrario vincitore del concorso “Centoscuole. I ragazzi hanno poi offerto una dimostrazione pratica di realizzazione di manufatti in terra cruda, alternativa ecologica al cemento, che si sta diffondendo grazie al lavoro di alcune associazioni e alla riscoperta di architetti che adottano il riuso della tecnologia del costruire in terra. L’obiettivo del convegno è stato quello di offrire un contributo di idee sui temi legati alla coltivazione alternativa del kenaf e dare così nuove prospettive all’agricoltura con l’utilizzo di risorse rinnovabili.


Riproduzione riservata © 2017 TRC