in:

E’ stata annunciata come l’opera pubblica più costosa della storia del comune di Castelfranco, e non solo. Ma la realizzazione di 3 impianti fotovoltaici da quasi 1 megawatt porterà a pareggio il fabbisogno di energia elettrica dell’amministrazione comunale.

A giorni sarà pubblicato il bando per l’appalto ed entro la fine dell’anno l’opera pubblica, la più costosa sul genere in Emilia Romagna e, forse, in tutta Italia, sarà terminata. Stiamo parlando dei tre impianti fotovoltaici che sorgeranno a Castelfranco su tre diversi siti individuati lungo la fascia di rispetto ferroviaria, ovvero le aree di risulta Tav. Avranno una potenza complessiva di 3 megawatt e produrranno energia elettrica attraverso la conversione dell’energia solare. Un’opera pubblica su suolo pubblico che ha due grandi obiettivi: attuare il piano clima approvato con l’adesione al Patto europeo dei sindaci, per la riduzione di emissioni in atmosfera entro il 2020 e ridurre in modo sostanziale la quota di oneri di urbanizzazione destinata alla spesa corrente. Una scelta politica, dunque, di lungo respiro.


Riproduzione riservata © 2017 TRC