in:

Salvo disposizioni dell’ultimo minuto, scadrà domani mattina alle 8 l’interdizione al volo disposta dall’Enac sugli aeroporti del Nord Italia, Marconi di Bologna compreso. Ma l’Enac potrebbe decidere la riapertura anticipata  

La nuvola di polvere che staziona sui cieli dell’Italia del nord si è già diradata e questo potrebbe contribuire a far anticipare la riapetura degli aereoporti del nord Italia, bloccati da parecchie ore. A meno di decisioni dell’ultima ora il traffico aereo al nord riprenderà dalle 8 di domattina. Intanto il ministero dell’istruzione per le famiglie degli studenti in gita scolastica all’estero ha attivato tre numeri telefonici ai quali rivolgersi per chiedere informazioni. Lo rende noto la provincia di Modena.  I numeri sono i seguenti 06-5849591 06-58492377 06-58492755Una rivincita della natura sull’uomo, una prova di forza del pianeta terra contro i superpoteri della moderna tecnologia. Sono tante le chiavi di lettura offerte dall’eruzione del vulcano islandese che ha paralizzato i cieli di tutto il Nord Europa. Una situazione straordinaria e senza precedenti le cui conseguenze sul sistema aereo rimangono ancora da valutare appieno. Solo ieri, al Guglielmo Marconi di Bologna, sono stati cancellati 147 voli, per un totale stimato di 12 mila passeggeri rimasti a terra. Oggi stessa situazione con 180 voli programmati annullati. Sarà così fino alle 8 di domani mattina, il termine dell’interdizione al volo disposto dall’Enac, l’Ente nazionale dell’Aviazione Civile, su tutti gli scali del nord Italia. La chiusura degli aeroporti del Nord ha avuto come primo effetto l’intensificazione del traffico ferroviario. Le Fs hanno programmato corse aggiuntive del Frecciarossa, ma il problema rimane quello dei collegamenti internazionali. Inutile cercare un biglietto per una destinazione all’estero. I posti sono tutti esauriti fino al 23 aprile. In attesa di nuovi bollettini, rimane al momento un’unica certezza: quando il traffico aereo ripartirà, ci vorranno almeno due giorni di assestamento prima di ritornare alla normalità. Chi deve mettersi in viaggio è avvertito.


Riproduzione riservata © 2016 TRC