in:

Lo spazio aereo del nord d’Italia resterà interdetto al volo fino alle 8 di lunedì mattina a causa della nuvola di cenere che staziona sui cieli del nord del paese, Interdetto anche il vicino aeroporto di Bologna dove sono già stati cancellati 147 voli

Nel pomeriggio di oggi l’Enac, l’ente nazionale di aviazione civile ha preso la decisione che in molti si aspettavano: lo spazio aereo del nord Italia resterà interdetto al volo fino alle 8 di lunedì mattina a causa della nuvola di cenere proveniente dal vulcano islandese. La decisione è stata assunta al termine di una riunione tecnica in cui sono state analizzate le ultime previsioni del tempo provenienti dal Meteorological office di Londra.  D’altro canto i geologi dell’Università di Reykyavik avevano già confermato che l’attività del vulcano islandese in eruzione era aumentata nelle ultime ore e la nube di cenere per ora non accenna a spostarsi dal nord Italia. Il provvedimento interessa il vicino aeroporto Marconi di Bologna oltre a quelli di Torino, Milano Malpensa, Milano Linate, Bergamo e Venezia.  Lo scalo di Bologna si è trasformato fin dalle prime ore del mattino in un accampamento di passeggeri bloccati a terra, 147 i voli già cancellati, di cui 69 in arrivo e 78 in partenza, per un totale stimato di 12 mila passeggeri. Per le partenze di lunedì il Marconi consiglia ai passeggeri di chiamare l’ufficio informazioni dell’aeroporto (al numero 051-6479615), di visitare il sito internet, oppure di contattare la compagnia aerea con cui si è programmato il viaggio, per verificare lo stato del proprio volo ed informarsi su eventuali rimborsi o sostituzioni di biglietto.  


Riproduzione riservata © 2017 TRC