in:

L’ospedale di Baggiovara è ai vertici in regione per numero di donazioni di organi, l’ultimo gesto di solidarietà che può dare, invece, una possibilità di sopravvivenza a chi soffre di gravi patologie.

Ci sono malati come i cardiopatici o le persone affette da gravi insufficienze epatiche le cui possibilità di sopravvivenza sono legate ai trapianti. Donare organi può essere l’ultimo gesto di solidarietà verso i propri simili. Nelle nostre terre la cultura della donazione, tutto sommato, sembra avere attecchito. Il Sant’Agostino-Estense, nel 2009, è stato l’ospedale in Emilia-Romagna dove è stato effettuato il maggior numero di donazioni di organi. Seguono il Maggiore di Parma e il Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. I donatori sono persone che hanno subito traumi, emorragie e ictus che li hanno portati alla morte. La loro età ormai non è più un elemento discriminante: ad esempio, per la donazione di fegato non ci sono limiti particolari. Tutte le attività di donazione, prelievo e trapianto di organi e tessuti in regione fanno capo al Sant’Orsola di Bologna


Riproduzione riservata © 2016 TRC