in:

Oggi pomeriggio nella cattedrale di Modena l’ultimo saluto a Edmondo Berselli, scomparso domenica dopo una lunga malattia. Duomo stracolmo e parole mai banali.

Chi sia stato Edmondo Berselli, lo racconta l’arcobaleno di volti che aspetta il suo arrivo davanti al rosone del Duomo: personaggi politici e del mondo dello spettacolo, volti noti e meno noti della sua città. Nato a Campogalliano il 2 febbraio 1951, scomparso tre giorni fa dopo una lunga malattia.La cerimonia in duomo è silenziosa, il silenzio lo lascia lui, che con le sue parole, i suoi racconti, ha riempito trent’anni di storia dell’Emilia. L’omelia non è un’omelia: le parole di don Filippo Di Giacomo, amico di famiglia e suo confidente personale, raccontano il rapporto mutevole con la religione di un personaggio profondamente laico, ma non privo di un lato spirituale.Don Filippo racconta le parole di Berselli sul suo rapporto con Dio: “Sono un cattolico non credente. Chi può dire con certezza di avere o non avere fede?”. Raccontando il dolore per la sua scomparsa dice: “Il Signore non ce l’ha portato via. Piuttosto, ha custodito gelosamente tutto ciò che Edmondo era, fino ad oggi”.Scrittore ironico, dissacrante; firma prestigiosa di Repubblica e dell’Espresso, aveva cominciato con le collaborazioni a Carlino e Gazzetta di Modena alla fine degli anni Ottanta. Ha raccontato l’emilia e l’Italia, i post-italiani e i sinistrati dell’era Berlusconi. Quel gran pezzo dell’Emilia, titolo del libro in cui raccontava la sua terra appena cinque anni fa, è tutta intorno a lui per dargli l’ultimo saluto. “Attorno a me vedo solo volti animati da sincero dispiacere”, dice Don Filippo. “Edmondo non poteva che produrre questo”. Shel Shapiro, che con Berselli aveva condiviso un progetto teatrale, sceglie di non parlare.La commozione è genuina, come il suo modo di scrivere. Con Edmondo Berselli se ne va un gran pezzo dell’Emilia. Presenti alle esequie, tra gli altri, il Presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo, il cantante Shel Shapiro, il direttore di Repubblica Ezio Mauro, lo scrittore Sergio Zavoli, l’attore Ivano Marescotti ed il responsabile comunicazione del Pd Marco Follini.


Riproduzione riservata © 2016 TRC