in:

Riparte l’operazione Bus qualità, i controlli intensivi sui mezzi Atcm. E ancora una volta accanto ai controllori tutti i dipendenti dell’azienda, compresi i massimi vertici.

Ripartono i controlli intensivi sugli autobus per contrastare il fenomeno dei portoghesi: di nuovo in prima linea i 40 addetti alla verifica che dovranno constatare il pagamento del titolo di viaggio. Accanto e di supporto ai controllori ancora una volta schierato tutto il personale dell’Atcm, compresi i massimi vertici come l’amministratore delegato Claudio Ferrari e il presidente Pietro Odorici. Proprio loro almeno due o tre volte la settimana, nel turno dalle 7 alle 11, salgono sui bus per chiedere il biglietto o fornire informazioni. Un modo anche per i dirigenti di rendersi conto dei problemi di chi lavora sui mezzi: in un paio d’occasioni è stato necessario chiamare in aiuto la polizia proprio in presenza di Ferrari o Odorici. Continua quindi la campagna Bus qualità contro l’abusivismo, che tra gennaio e marzo del 2010 ha portato ad elevare 3.621 sanzioni, con un aumento del 26% rispetto allo stesso periodo del 2009. Confermata, poi, la collaborazione con le polizie municipali di Modena, Sassuolo e Carpi per frenare gli episodi di violenza ai danni di personale Atcm.


Riproduzione riservata © 2016 TRC