in:

Domani tutta l’avvocatura incrocerà le braccia: motivo della protesta, la richiesta di approvazione in tempi brevi della riforma della professione forense.

Incroceranno le braccia anche a Modena gli avvocati, e domani si asterranno dalle udienze e dall’attività giudiziaria. E’ unità l’avvocatura in questa protesta, che ha l’obiettivo di ottenere l’approvazione totale e in tempi brevi della riforma varata dalla commissione giustizia del Senato. Il testo, per i principi del foro, ha il pregio di svecchiare l’ordinamento e rendere questa professione più moderna e più specializzata, a tutela dei cittadini. In particolare, è l’introduzione di maggior rigore nell’accesso a soddisfare gli avvocati, perché permette una formazione più specialistica ed efficace. I più rigidi nelle richieste i penalisti, per i quali il testo prevede anche una scuola di specializzazione, ritenuta fondamentale da Luca Scaglione, presidente delle camere penali di Modena. Non a caso, Oreste Dominioni, presidente nazionale delle camere penali, ha annunciato che comunque istituirà gli albi di specializzazione già da aprile. Una provocazione, per velocizzare l’iter. Domani a Roma gli avvocati parteciperanno a una manifestazione al teatro Capranica.


Riproduzione riservata © 2016 TRC