in:

Protesta dei migranti in programma domani in tutta Italia: 24 ore senza stranieri per far capire la loro importanza nella società. Aderisce anche la Cgil, mentre il Pd di Nonantola organizza una fiaccolata.

Una giornata di grande mobilitazione per i diritti dei migranti è in programma domani in tutta Italia. L’iniziativa, organizzata da diversi comitati nati spontaneamente, prevede 24 ore di sciopero da parte dei lavoratori stranieri per sottolineare la loro importanza nella società. La Cgil di Modena sostiene le ragioni della protesta, che prevede manifestazioni e presidi in tutto il Paese per contrastare intolleranza e razzismo, “alimentati – secondo il sindacato – dal recente pacchetto sicurezza”. La Cgil organizza, inoltre, per venerdì 12 marzo uno sciopero nazionale attraverso il quale si chiede anche la regolarizzazione dei migranti che già lavorano, la sospensione della Bossi-Fini per chi è in cerca di occupazione, l’abolizione del reato di clandestinità e il riconoscimento per nascita della cittadinanza. Aderiscono all’iniziativa di domani anche i Comitati di Base della Scuola e il Centro studi per la scuola pubblica che lanciano un appello a insegnanti, lettori, studenti e tutti coloro che sono coinvolti nella scuola e nell’Università affinché si organizzino attività educative di vario tipo focalizzate sull’idea della libertà di movimento per tutti e sul valore delle differenze. Domani a partire dalle 15 in piazza Nettuno a Bologna è in programma una manifestazione regionale; mentre, nel modenese, a Nonantola verrà organizzata dal Partito Democratico una fiaccolata contro il razzismo e in difesa dei diritti dei lavoratori immigrati. Il ritrovo è fissato per le 18.30 nel piazzale adiacente al Vox.


Riproduzione riservata © 2016 TRC