in:

Il 2009 è stato il secondo anno più caldo, come media, dal 1830. Molti però i fastidiosi sbalzi di temperatura. E la prossima settimana dovrebbe tornare la neve.

Sembra difficile crederci, in questi giorni di freddo pungente, ma il riscaldamento del clima continua. Parola di Luca Lombroso, dell’Osservatorio geofisico dell’Università. Del resto i dati parlano chiaro: il 2009 con la sua temperatura media annuale di 15,6 gradi si è aggiudicato il secondo posto come anno più caldo dal 1830, cioè da quando esistono le rilevazioni meteo a Modena. In realtà è un ex equo con 2008 e 2000, mentre più caldo è stato solo il 2007. Prima le medie annuali erano decisamente più basse, intorno ai 13 gradi. Il 2009 è stato poi, dicono gli esperti, un anno caratterizzato da notevoli sbalzi termici che contribuiscono a una percezione falsata del freddo. Il giorno in cui la colonnina di mercurio è scesa di più è stato il 21 dicembre, -8,6 gradi in città, mai tanto bassa dal 1991. Mentre il giorno più caldo è stato il 17 luglio con 36,7 gradi: anche l’estate 2009 è al secondo posto fra le più calde mai registrate, con 60 giorni oltre i 30 gradi. Per quanto riguarda le previsioni: nei prossimi giorni in città resta la nebbia e le temperature minime e massime continueranno a restare vicine allo 0. Da lunedì però le cose potrebbero cambiare: è prevista a inizio settimana una perturbazione che potrebbe portare neve anche in pianura.


Riproduzione riservata © 2016 TRC