in:

La sede modenese dell’associazione World Trade Center, una palestra per il fitness targata Virgin e la sede dell’Azienda Usl. Prende forma il progetto di recupero del direzionale Manfredini. Ieri il via libera del consiglio comunale alla variante urbanistica.

Chiuso da 11 anni, da quando il Banco San Geminiano e San Prospero prese la via di Verona, il Direzionale Manfredini, meglio nota tra i modenesi, per forme e dimensioni, come Alcatraz, si appresta a cambiare volto. Ieri sera il consiglio comunale ha infatti approvato la variante urbanistica che consentirà di qualificare l’intera area in zona Corassori. Il piano prevede per il Direzionale Manfredini la costruzione di 170 nuovi parcheggi e di uno spazio di 3500 metri quadrati da destinare a palestra per il fitness, previo abbattimento di una parte dell’attuale struttura. Ma l’intervento porterà anche alla realizzazione di due rotatorie per fluidificare il traffico tra viale Italia, via Corassori e via Formigina e all’ampliamento degli istituti scolastici Cattaneo e Wiligelmo. Il via libera del consiglio comunale, deciso con il voto favorevole della maggioranza e con quello contrario di tutte le opposizioni, consente ora ai nuovi proprietari dell’imponente struttura, la società di gestione del risparmio trevigiana Numeria Sgr, di concludere le trattative in corso. Tre le attività che dovrebbero trovare posto nel nuovo Direzionale Manfredini: la sede modenese dell’associazione World Trade Center, una palestra per il fitness targata Virgin e la sede dell’Usl. Per l’azienda sanitaria sarebbe l’occasione di spostarsi dall’angusta sede attuale di via San Giovanni del Cantone e di unificare tutti i servizi. Ma a caratterizzare “Alcatraz” sarebbe la nuova vocazione internazionale, griffata Virgin e Wtc. E se della Virgin e del suo istrionico proprietario, Richard Branson, capace di creare dalla musica un impero planetario, con tanto di compagnia aerea e titolo mondiale di Formula 1 appena conquistato con la Brawn Gp, si sa quasi tutto, l’associazione World Trade Center rappresenta un punto di riferimento per tutti i grandi imprenditori. Una sorta di esclusivissimo club per chi vuole fare affari a tutte le latitudini e trova negli altri soci dell’associazione nuovi possibili partner. Una fortunata formula che dura da 50 anni, nel mito del primo presidente David Rockefeller.


Riproduzione riservata © 2016 TRC