in:

Giovedì a Modena e Carpi ritorna il blocco del traffico. Dopo il rinvio della scorsa settimana, scatta la seconda fase della manovra antismog.

A Modena e Carpi, tornano i blocchi del traffico del giovedì. La partenza sarebbe dovuta avvenire giovedì scorso, ma le previsioni meteorologiche suggerirono di revocare il provvedimento. Poi, il tempo fu migliore del previsto, ma questa è un’altra storia. Da giovedì, invece, si riparte per davvero con il provvedimento più discusso della manovra regionale antismog in vigore, salvo revoche, tutti i giovedì sino a fine marzo. Blocco della circolazione, dunque, dalle 8,30 alle 18,30, nelle aree centrali di Modena e Carpi, per la totalità dei veicoli. Possono però circolare i veicoli elettrici, ibridi, benzina e diesel purché conformi alle direttive euro 4 ed euro 5, a gas metano e gpl, in car pooling o car sharing e i diesel euro 3 se con filtro antiparticolato. La Regione ricorda che, come nel periodo precedente alle feste, resta in vigore lo stop dal lunedì al venerdì alla circolazione dei veicoli più inquinanti, quelli pre-euro e euro 1, compresi ciclomotori e motocicli a due tempi, precedenti alla normativa euro 1. Misura, quest’ultima che è ora estesa anche alle auto euro 2, sprovviste di filtri antiparticolato. Con i blocchi del giovedì tornano anche le critiche al provvedimento, subito respinte dall’assessore regionale all’ambiente Lino Zanichelli: “I dati dimostrano che queste iniziative, combinate con le misure strutturali rivolte alla mobilità ed all’energia, stanno dando risultati importanti”. Dal 2002, anno del primo accordo sulla qualità dell’aria, le polveri sottili in Emilia Romagna sono calate del 15%, con una riduzione del 20% degli sforamenti dei limiti previsti dalla normativa europea. In forte calo, secondo i dati di Arpa, anche gli altri inquinanti: biossido di azoto, benzene e monossido di carbonio. Merito anche delle tante auto, quasi 30mila, convertite a metano e gpl. Con i blocchi del traffico del giovedì tornano anche gli abbonamenti a prezzo agevolato al trasporto pubblico, per i possessori dei veicoli più vecchi e inquinanti. Per i trasgressori, la sanzione amministrativa va dai 38 ai 234 euro.La manovra in provincia Oltre a Modena e Carpi, i provvedimenti di limitazione alla circolazione dei mezzi più inquinanti, compresi i diesel euro 2, sono in vigore anche nei comuni di Bastiglia, Bomporto, Castelfranco, Castelnuovo, Fiorano, Formigine, Maranello, Nonantola, Ravarino, Sassuolo, Spilamberto e Vignola. Dal lunedì al venerdì, dalle 8,30 alle 18,30, dunque, nelle aree individuate dai singoli comuni, non possono circolare i veicoli a benzina pre-euro e i diesel sino ad euro 2 senza filtro antiparticolato. Per informazioni è possibile consultare il sito “liberiamolaria.it” .


Riproduzione riservata © 2016 TRC