in:

Il rapporto sociale riferito al 2008 di Lega Coop presenta solo segni positivi. Le previsioni 2009 segnano un rallentamento e il 2010 non sarà indolore. “Sono urgenti politiche economiche ed industriali nazionali per fronteggiare la crisi” dichiara Vezzelli.

“Occorre mettere in campo nuovi progetti di sviluppo, come per esempio l’ambiente, il turismo, sportivo e culturale, la Green Economy e portarli avanti con continuità, interpretandoli in maniera innovativa”. Roberto Vezzelli, presidente di Legacoop, nell’aprire i lavori dell’assemblea delle cooperative aderenti, che si è tenuta nel pomeriggio, al Baluardo della Cittadella, ha posto l’accento sulla mancanza di politiche economiche ed industriali nazionali, oltre ad un sostegno vero ai redditi per affrontare la difficile situazione di stagnazione economica. L’assemblea è stata anche l’occasione per presentare i dati del Rapporto sociale riferiti al 2008. Ancora tutti di segno positivo, come, dalle previsioni, pare saranno anche quelli dell’anno in corso. Ma la crisi, se si guarda al prossimo anno, preoccupa non poco.


Riproduzione riservata © 2016 TRC