in:

Sale il numero di ricoveri, ma diminuiscono i casi complessi. Resta tutto sommato sotto controllo l’andamento della pandemia nel modenese e da questo fine settimana l’Azienda Usl potenzia il servizio di guardia medica.

Salgono a 38 le persone ricoverate nelle strutture ospedaliere della provincia di Modena per l’influenza A, ma i casi complessi restano solo quattro, compreso un bambino. Delle 38 persone ricoverate, 19 sono bambini. Resta alto, invece, il numero degli accessi ai Pronto soccorso, tanto che il Policlinico di Modena, per far fronte all’aumento degli accessi ha spostato l’accettazione pediatrica nei locali del Poliambulatorio pediatrico al 7° piano in modo da avere la possibilità di ricavare spazi di attesa separati per i pazienti febbrili ed evitare così le possibilità di contagio. Inoltre, da questo fine settimana sarà potenziato in tutti i distretti sanitari della nostra provincia il servizio di guardia medica, che sarà attivo dalle 10 di sabato mattina fino alle 8 di lunedì e saranno operativi anche gli ambulatori delle cooperative di medici di famiglia. L’Azienda Usl ricorda che, alla comparsa dei primi sintomi febbrili, prima di andare al pronto soccorso è opportuno contattare il proprio medico, in grado di fornire le prime cure. Nel frattempo prosegue la campagna di vaccinazione di bambini e adulti con malattie croniche e donne nel secondo e terzo trimestre di gravidanza. Ad oggi l’Azienda Usl di Modena ha ricevuto circa 27.000 dosi di vaccino, mentre i medici di famiglia ricordano che gli anziani al momento vengono vaccinati sono contro l’influenza stagionale, in quanto meno esposti al contagio del nuovo virus h1n1. Per informazioni è attivo il numero verde del Servizio sanitario regionale 800 033 033. Notizie positive, infine, arrivano dall’ultima rilevazione di ieri nelle scuole sentinella. I tassi di assenza restano alti ai nidi, alle scuole d’infanzia e alle elementari, dove un bambino su 5 è a casa, ma stanno scendendo alle medie e alle superiori.


Riproduzione riservata © 2016 TRC