in:

Il servizio di guardia medica rafforzato in tutta la regione, potenziato anche il numero verde per ottenere informazioni. L’influenza A ha avuto un’impennata, ma il panico non è giustificato dicono dalla Regione.

Grande capacità di diffusione, ma, almeno al momento, scarse complicanze di carattere sanitario: è questa la fotografia della diffusione dell’influenza A nella nostra regione. Nell’ultima settimana, come vi avevamo anticipato alcuni giorni fa, c’è stata un’impennata nella proliferazione del virus. Erano a letto con l’H1N1 12 emiliani ogni mille abitanti, 40 su mille tra i bambini e i ragazzi con meno di 14 anni. Per fortuna, però, i ricoveri per influenza con sintomatologia importante, nelle ultime due settimane. sono stati solo 46 in tutta la regione. A tutt’oggi, si stima che più di 100mila emiliano-romagnoli abbiano contratto, superato o stiano superando l’influenza in questione. Quanto al modenese, nello specifico, nell’ultimo mese, per influenze ci sono stati 156 accessi e 26 ricoveri nella rete degli ospedali della città e della provincia, al Policlinico, invece, si sono contati 29 accessi al pronto soccorso comune con un solo ricovero e 176 accessi al pronto soccorso pediatrico con 14 ricoveri. I numeri, quindi, sono certamente importanti, il panico però non è giustificato. La preoccupazione, comunque, è tanta, soprattutto tra i genitori di bimbi piccoli. “E non ha aiutato certo – lo conferma anche l’assessore regionale alla sanità Bissoni – il ritardo nella consegna dei vaccini”. Comunque, da domani pomeriggio, arriveranno nuove dosi di vaccino in modo che oltre alle persone a cui si sta già somministrando (ovvero personale sanitario, bambini con patologie gravi e donne incinte) si possano iniziare a vaccinare anche i malati cronici al di sotto dei 65 anni. Da sabato, inoltre, verranno rafforzati i servizi assistenziali e quello informativo. In particolare viene potenziato il servizio di guardia medica, a disposizione 24 ore su 24, con predisposizione di ambulatori vicini al Pronto soccorso, mentre per tutti coloro che hanno dubbi sarà attivo, 7 giorni su 7 dalle 8.30 del mattino fino alle 17.30, il numero verde gratuito 800 033 033.


Riproduzione riservata © 2016 TRC