in:

In attesa della sentenza del Consiglio di Stato, prevista per novembre, sulla proposta di project financing dell’impresa Pizzarotti; il Tar dell’Emilia Romagna ha accolto il ricorso del raggruppamento di imprese capeggiato da Coopsette.

In attesa della sentenza del Consiglio di Stato, prevista per novembre, sulla proposta di project financing dell’impresa Pizzarotti, rigettata dall’Anas nel 2004; il Tar dell’Emilia Romagna ha accolto il ricorso del raggruppamento di imprese capeggiato da Coopsette. La storia, infinita, della Bretella Campogalliano – Sassuolo si arricchisce, dunque, di un nuovo ma non definitivo capitolo. In pratica il tribunale amministrativo ha sancito che, nel caso Anas decida di costruire l’autostrada ricorrendo all’intervento diretto di investitori privati, non potrà farlo trattando esclusivamente con Pizzarotti. Questo significa indire un bando pubblico per la scelta del promotore e agire poi di conseguenza. Appresa la notizia, il Sindaco di Sassuolo Caselli ha assicurato il suo impegno per organizzare un incontro con il Ministro Matteoli per provare a sbloccare la situazione. Tangenziale Mirandola, tempi brevi   E’ andato a Roma, mercoledì scorso, il sindaco di Mirandola, Maino Benatti, per fare il punto sulla realizzazione della tangenziale ovest per Medolla, dopo che le ditte che per prime avevano ottenuto gli appalti sono fallite. L’Anas ha assicurato che già da gennaio di quest’anno ha cominciato a valutare le nuove offerte e che ormai la procedura sta arrivando alla fase conclusiva: entro pochi giorni l’opera sarà assegnata a un nuovo raggruppamento di imprese. Subito dopo dovrebbero iniziare i lavori. L’intervento ha un costo di oltre 10 milioni di euro. Ma durante l’incontro, il sindaco con i vertici Anas ha parlato anche del secondo stralcio, che dovrebbe collegare la tangenziale in realizzazione con la strada provinciale per Concordia, in totale 1 chilometro e 300 metri. La progettazione preliminare, è stato spiegato al primo cittadino di Mirandola, sta facendo il suo normale iter per l’approvazione. Benatti da parte sua ha assicurato la disponibilità del Comune ad occuparsi della gestione dell’appalto, per accelerare i tempi. “E proprio sui tempi – ha detto il sindaco – vigileremo attentamente, per evitare i gravi ritardi del passato”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC