in:

Autostazione occupata per una mezzoretta dagli studenti, al termine dello sciopero di stamattina per protestare contro l’Atcm. Poi, i vertici dell’azienda hanno ricevuto una delegazione e la situazione si è sbloccata. Anche se la questione del trasporto pubblico a Modena resta complessa e Atcm ribadisce: “Non c’è rapporto tra costi e servizio”.

5mila firme raccolte per denunciare la scarsa qualità e i costi eccessivi del trasporto pubblico modenese. Poi, stamattina gli studenti sono scesi in piazza per chiedere all’Atcm, ma la questione andrebbe posta anche ad enti locali e Agenzia della mobilità, interventi straordinari contro i ritardi, il sovraffollamento degli autobus e il caro biglietti. Manifestazione partecipata, con finale imprevisto, quando i giovani in protesta hanno deciso di forzare la mano e di bloccare l’autostazione. Attimi di tensione, risolti dall’immediata disponibilità data dai vertici di Atcm di incontrare gli studenti. E così, dopo nemmeno mezzora, nella sede di via Sant’Anna, il presidente Odorici e l’ad Ferrari si sono seduti al tavolo con gli studenti che hanno ribadito loro il profondo disagio che vivono ogni mattina: “stipati come animali” su autobus che poi per il resto della giornata viaggiano quasi vuoti. E proprio questo è uno dei nodi da sempre irrisolto del trasporto pubblico modenese. Oltre a questo – ha detto stamattina l’ad Claudio Ferrari, rispondendo alle critiche del Comitato utenti per la qualità del servizio – c’è il nodo delle risorse: Atcm è pagata per fare 11 milioni di chilometri all’anno e ne fa invece 13 milioni”. Soprattutto così si spiegano le difficoltà di bilancio di un’azienda che perde al mese quasi 400mila euro. In risposta a questo, il nuovo amministratore delegato, rappresentante dei soci privati, propone un aumento della produttività, in cambio di un servizio migliore. Anche per il trasporto urbano di Modena, dove la rivoluzione dello scorso settembre è stata tutt’altro che indolore. Claudio Ferrari, Amministratore delegato Atcm


Riproduzione riservata © 2016 TRC