in:

Manovra antismog. Oggi a Bologna è stato firmato l’accordo 2009-2010. Misure di limitazione al traffico dal 1° novembre al 31 marzo e da gennaio tornano anche i blocchi del giovedì. Ma manca una politica nazionale – commenta l’assessore all’ambiente Arletti.

Incentivi per l’installazione di filtri antiparticolato sui mezzi diesel euro 2. E’ questa, in sostanza, la novità della manovra antismog 2009-10 della regione Emilia-Romagna firmata con Comuni e Province. Il resto della manovra ricalca il modello degli ultimi due anni. Dal 1°novembre, perciò, entrano in vigore le misure previste dall’accordo: le limitazioni al traffico per i veicoli più inquinanti e da gennaio tornano anche i blocchi del giovedì."Per noi è importante confermare l’adesione al progetto regionale per ottimizzare le risorse disponibili, ma soprattutto – dichiara l’assessore all’ambiente del Comune di Modena Simona Arletti – perché sul fronte della lotta all’inquinamento dell’aria la dimensione territoriale minima è quella regionale, meglio se estesa alla Pianura Padana e sostenuta da una solida politica nazionale che, purtroppo, ancora non c’è". L’attenzione maggiore dei provvedimenti è rivolta a ridurre la concentrazione di polveri sottili nell’aria, un fenomeno comune a tutte le zone di pianura, dove condizioni climatiche particolarmente sfavorevoli si sommano alle emissioni degli impianti di riscaldamento e soprattutto dei veicoli a motore, diesel in particolare. In accordo con l’amministrazione provinciale il Comune aprirà anche un tavolo con la Società Autostrade per verificare la possibilità della riduzione della velocità nei tratti che interessano la nostra provincia. Il traffico autostradale infatti incide per il 20% sul carico inquinante complessivo.


Riproduzione riservata © 2016 TRC