in:

La Caffè Cagliari di Modena ha inaugurato questa mattina, presso lo stabilimento di via Emilia Est, il museo delle macchine da caffè. Una storia di famiglia e d’impresa lunga un secolo.

Un museo e un libro per raccogliere, custodire e tramandare un secolo di storia d’impresa. Una storia che per la Caffè Cagliari di Modena, azienda leader nelle torrefazioni ad uso bar e domestico, inizia nel 1909 con l’apertura della prima bottega per la tostatura e la degustazione del caffè in Piazza Grande ad opera di Ambrogio, il fondatore, reduce dal Brasile. Da allora si sono susseguite 4 generazioni di Cagliari, ma la passione per il buon caffè è rimasta sempre la stessa. Questa mattina presso lo stabilimento di via Emilia est, autorità, dipendenti, clienti ed amici hanno festeggiato l’importante compleanno insieme ad Alberto Cagliari e alla figlia Alessandra, che è amministratore delegato dell’azienda e coautrice del libro. Nella stessa occasione è stato presentato il Museo delle macchine da caffè. Unica nel suo genere, l’esposizione raccoglie un centinaio di modelli, tra cui pezzi rarissimi, tutti originali e funzionanti. Dai primi esemplari a colonna con funzionamento a vapore, del tutto simili a caffettiere giganti, fino ai sistemi a leva e pistone in uso nel dopoguerra, il cui design ricorda la carrozzeria delle automobili o addirittura i juke box. Risalgono invece agli anni Sessanta e Settanta le caffettiere a uso domestico a forma di tv. Un vero compendio di storia del Novecento da rileggere dentro una tazzina di caffè.


Riproduzione riservata © 2018 TRC