in:

Sono giorni caldi per le matricole dell’Università di Modena e Reggio. Dopo il test di Medicina, martedì c’è quello di Economia e da domani iniziano i corsi di inglese e per il recupero dei crediti.

La crudele selezione di Medicina, stavolta non ci sarà. La prima volta del numero chiuso ad Economia sarà abbastanza indolore. 690 i posti disponibili, compresi i 40 riservati a studenti extracomunitari e cinesi, 776 le richieste di iscrizione, comunque in crescita rispetto allo scorso anno. Martedì, a partire da mezzogiorno, i giovani che aspirano a frequentare i tre corsi di laurea triennali in economia aziendale, marketing internazionale e finanza, dovranno rispondere a 40 quesiti a risposta multipla suddivisi in tre ambiti: logica, comprensione verbale e matematica. “La decisione di introdurre il numero chiuso ad Economia – ci ha spiegato il Preside Eugenio Caperchione – deriva dalla volontà di offrire agli studenti la maggior qualità didattica possibile, indispensabile al successo nel mondo del lavoro”. Un’attenzione agli studenti che negli ultimi anni ha consentito all’Università di Modena e Reggio di primeggiare a livello nazionale per la riuscita dei suoi laureati nel mondo del lavoro. E in tal senso, ecco altre due iniziative che scattano da domani: i test di inglese e i corsi di recupero dei crediti. I test e i corsi di alfabetizzazione in lingua consentono alle matricole di valutare il loro livello di conoscenza o di acquisire le basi necessarie a seguire le lezioni in inglese. I corsi di recupero, invece, permettono ai giovani di colmare gli eventuali debiti formativi emersi nello svolgimento dei test di valutazione. Due ottime occasioni per arrivare pronti all’inizio dell’anno accademico.


Riproduzione riservata © 2018 TRC