in:

Una preghiera per ricordare tutte le persone morte durante i viaggi della speranza verso l’Europa è stata celebrata oggi pomeriggio presso il centro di accoglienza “Porta Aperta” di Modena. Tanti i cittadini presenti.

Una preghiera nel segno dell’amore cristiano che “non conosce frontiere”. ha esordito così Don Paolo Losavio, vicario generale, che oggi pomeriggio alle 18 ha presenziato presso il Centro di Accoglienza Porta Aperta di Modena un incontro dedicato alle vittime dei viaggi verso l’Europa. Una iniziativa che nei giorni scorsi non ha mancato di suscitare polemiche e critiche, soprattutto da parte dell’esponente della Lega Nord Mauro Manfredini. Presenti comunque alla messa molti politici modenesi e cittadini comuni. Tanti appuntamenti per la Giornata ebraica Un’occasione per ripercorrere quelli che furono i momenti salienti della storia e della vita degli Ebrei. E’ infatti “Feste ebraiche e tradizioni” il tema dell’edizione 2009 della Giornata della Cultura Ebraica che, a Finale Emilia, città che vanta la presenza del più antico cimitero ebraico della Regione, sarà celebrata con vari momenti. Da segnalare, com’è ormai tradizione da alcuni anni a questa parte, la splendida mostra delle opere di Emanuele Luzzati presso l’Osteria La Fefa che, nella giornata di domenica, tra visite guidate al ghetto e al piccolo cimitero, offrirà piatti tipici della tradizione ebraica. Sempre domenica, arriverà nella piccola Venezia degli Estensi il giornalista Arrigo Levi, che presenterà il libro autobiografico “Un paese non basta”. Levi è cittadino onorario finalese, legato alla città perché discendente di quel Donato Donati che si stabilì a Finale dove venne sepolto all’interno dell’antico cimitero, lascito di quella comunità ebraica che per Finale Emilia ha significato tanto. E in occasione della Giornata europea della cultura ebraica anche Carpi ha organizzato una serie di appuntamenti e iniziative a ingresso libero. Per tutta la giornata di domenica 6 settembre apertura straordinaria per il cimitero ebraico di via Cremaschi, dell’ex sinagoga di via Rovighi, del Museo monumento al deportato politico e razziale e dell’ex campo di transito di Fossoli. Sarà, inoltre, possibile visitare la mostra “Il popolo del libro”, allestita sotto il portico del grano in corso Alberto Pio, prodotta dalla Regione insieme alla Comunità ebraica di Modena e Reggio Emilia, e curata da Anna Coen e Paolo Battaglia.


Riproduzione riservata © 2016 TRC