in:

Assegnate nuove dieci licenze per auto pubbliche. Sempre più collettivo il servizio taxi che punta sulle tariffe fisse.

Sono state finalmente assegnate le 10 nuove licenze per taxi ed entro la fine dell’anno saranno in circolazione 5 nuove auto ecologiche ed altrettante attrezzate per il trasporto disabili. Con le nuove licenze e le licenze temporanee, attivabili in occasione di particolari eventi o periodi, il servizio in città viene potenziato di un 20%. Non variano, al momento, le tariffe – riparametrate con l’accordo del 2008. Restano dunque confermate le tratte a tariffa fissa sui percorsi di interesse pubblico, anche se a settembre i tassisti chiederanno al Comune una verifica sui prezzi. Adesso comunque si spendono 9 euro dalla stazione ferroviaria o delle autocorriere al nuovo ospedale di Baggiovara, 6 euro dalle stazioni al policlinico, 5 euro dalle stazioni alle destinazioni del centro storico. In più ci sono le cosiddette tariffe business: 60 euro per raggiungere l’aeroporto di Bologna, 70 euro per la fiera di Bologna o i 25 euro per la Galleria Ferrari. Tariffe che si abbattono se sul taxi ci salgono più persone contemporaneamente. La politica di questi ultimi anni, in accordo con il consorzio dei tassisti di Modena, è stata infatti quella di trasformare il servizio in un mezzo di trasporto sempre più collettivo, con tariffe multiple e quindi più competitive. Ricordiamo, ad esempio, l’Sms taxi (che consente di prenotare una corsa inviando un messaggio dal cellulare) o i taxi bus notturni o ancora i taxi rosa con tariffe fisse di notte e nei festivi per chi possiede l’abbonamento del trasporto pubblico Atcm. “Un risultato originale e positivo, che rende trasparente per i residenti ma anche per i turisti alcuni spostamenti, a volte dettati da necessità più che da scelte, come ad esempio verso gli ospedali” – commenta l’assessore alle politiche economiche del Comune di Modena Graziano Pini. Intanto il tavolo tecnico tra Comune e tassisti continua a lavorare per un progressivo rinnovamento del parco auto, con l’obiettivo di avere entro il 2012 solo taxi a basso impatto ambientale.


Riproduzione riservata © 2016 TRC