in:

Sono più di tremila le badanti straniere che potranno essere regolarizzate a Modena dall’1 al 30 settembre. La stima è della Cgil che stamattina ha annunciato il suo impegno per aiutare le famiglie e le lavoratrici nel predisporre le pratiche.

La sanatoria, o regolarizzazione come vuole che sia chiamata il Governo, scatterà il 1° settembre. Da quel momento, sino alla fine del mese, le famiglie italiane che hanno al loro servizio colf o badanti irregolari potranno regolarizzare la loro posizione, consentendo loro di uscire dalla clandestinità e non incorrere nel nuovo reato, introdotto con il decreto sicurezza. Ogni datore di lavoro potrà regolarizzare al massimo una colf e due badanti, a patto che le straniere non siano già state espulse per motivi di sicurezza, ordine pubblico e terrorismo o abbiano subito una condanna anche solo in primo grado. Per farlo le famiglie dovranno versare 500 euro, utilizzando il modello F24, come risarcimento per i contributi non versati alla collaboratrice domestica nei tre mesi precedenti e predisporre i documenti necessari, da inviare poi in via telematica al Ministero dell’Interno, nel periodo stabilito, appunto dall’1 al 30 settembre. Per assumere una colf, bisogna dimostrare di avere un reddito minimo di 25mila euro, 20mila in caso di famiglie mono-reddito; per le badanti serve il certificato medico che attesti la non autosufficienza della persona da seguire, ma non ci sono vincoli di reddito. Più di 3mila, le badanti che dovrebbero presentare domanda nel modenese, secondo la stima fatta dalla Cgil, a fronte di 6500 già iscritte all’Inps e delle quasi 9mila che avevano richiesto l’ingresso presentando la domanda per i flussi 2007 – 2008. Il sindacato assisterà le famiglie e le lavoratrici nella predisposizione della domanda e da domani attiverà un numero verde. Una procedura complessa con la Cgil che invita le famiglie a dichiarare le ore davvero lavorate dalla loro collaboratrice, 926 euro lordi mensili lo stipendio massimo di una badante, anche per evitare spiacevoli contenziosi successivi.Grave, invece, secondo la Cgil che le badanti che le famiglie non vogliono regolarizzare diventino automaticamente clandestine.


Riproduzione riservata © 2016 TRC