in:

Ricorre domani il 21° anniversario della morte di Enzo Ferrari, mentre proseguono i lavori per il recupero della casa natale di Modena dove sorgerà il museo dedicato alla vita del costruttore. Fra due anni l’inaugurazione.

Un pezzo della storia dell’automobilismo mondiale, un pezzo della storia di Modena. Ricorre domani il 21° anniversario della morte di Enzo Ferrari, mentre proseguono i lavori per il recupero della casa natale del fondatore dell’azienda di Maranello, dove sorgerà il museo dedicato alla sua vita. Le fondamenta della nuova galleria sono state posate, così come è stato tolto il tetto della vecchia costruzione di via Paolo Ferrari, che verrà interamente rifatto. Saranno soltanto restaurate e ripristinate invece le pareti della casa in cui, probabilmente entro l’estate del 2011, verrà inaugurato il museo. Il progetto è coordinato dall’architetto Andrea Morgante e una anticipazione sarà allestita presso la camera di commercio il 7 settembre in occasione del World forum for motor museum che farà tappa anche a Modena. Parte dei contenuti che la Fondazione di cui è presidente onorario il figlio del Drake, Piero Ferrari, e presidente il giornalista Mauro Tedeschini, resterà fissa, con una tecnologia avanzata, interattiva e multimediale che possa raccontare anche alle nuove generazioni i 90 anni di vita di Enzo Ferrari. Una storia di coraggio, passione e determinazione, cominciata con le prime gare, giovanissimo, passata dal Cavallino rampante che la contessa Baracca gli consegnò dicendogli che gli avrebbe portato fortuna, fino all’apertura dell’azienda di Maranello. Le auto esposte nel museo saranno 28 e ruoteranno in base agli accordi che la Fondazione farà con la famiglia o con i singoli collezionisti. Con la Ferrari, invece, è già stato sottoscritta una convenzione per un biglietto unificato che permetterà di visitare la Galleria di Maranello e la casa natale di Modena. La lettera di Pighi a Piero Ferrari “Auspico che la fantastica avventura di cui è stato protagonista possa presto essere rivissuta dai visitatori del Museo Casa Natale di Enzo Ferrari, finalmente giunto alla fase di concreta realizzazione”. Così scrive il sindaco di Modena, Giorgio Pighi, che in occasione del 21esimo anniversario della morte del costruttore, avvenuta il 14 agosto 1988, ricorda la figura del Drake, attraverso un telegramma scritto al figlio Piero Ferrari, “con immutati sentimenti di affetto, gratitudine e stima”. “Resta vivo infatti – ha aggiunto il primo cittadino – il ricordo dell’attività imprenditoriale e sportiva di Ferrari, rappresentando autorevolmente nel mondo la qualità del lavoro modenese”.


Riproduzione riservata © 2018 TRC