in:

Ogni giorno arrivano nuovi ospiti al centro fauna selvatica Il pettirosso. Ci sono una nuova volpe, uno scoiattolo, ma anche un coniglio addomesticato, abbandonato dal padrone nel parcheggio del Policlinico.

Al centro fauna selvatica Il pettirosso domenica è arrivata una giovane volpe: l’animale, con una zampa rotta, si era presentato nel cortile di una casa a Sestola, dove era in vacanza un signore di Arezzo. Era stremata, affamata e bisognosa di aiuto. L’uomo ha chiamato i carabinieri e questi hanno attivato i volontari del centro, che ora stanno curando la piccola volpe. Ieri, invece, è arrivato un cucciolo di scoiattolo, caduto da un albero a Serramazzoni, provocandosi serie contusioni. Ma al centro non trovano rifugio solo animali selvatici in difficoltà, purtroppo anche animali esotici o particolari, animali domestici improvvisati, che poi vengono abbandonati dai padroni quando si rendono conto che la cura di queste bestiole è più complessa del previsto. Sempre ieri allora è arrivato un coniglio, che era stato abbandonato nel parcheggio del Policlinico con solo una ciotola d’acqua. E’ stato notato nascondersi tra le auto da alcuni passanti che hanno chiamato aiuto. Ma fra gli abbandonati dai padroni anche serpenti come i pitoni, che crescendo erano evidentemente diventati troppo ingombranti, coloratissimi pappagalli esotici e anche alcuni furetti. Questi ultimi in particolare sono affettuosi e giocherelloni, curiosi e intelligenti, non molto diversi da un gatto. Questi animali cresciuti in cattività, lontano dal loro habitat, non potranno più tornare selvatici. Chi li ha acquista e poi li abbandona decide per loro un ben triste destino. Per segnalazioni di animali ritrovati si può telefonare direttamente al 118.


Riproduzione riservata © 2018 TRC