in:

Novità per quanto riguarda la bretella Campogalliano-Sassuolo. Il Cipe ha sbloccato oggi i fondi per la realizzazione dei lavori del primo stralcio. Per l’attuale sindaco una grande vittoria, ma per l’ex primo cittadino è a rischio la realizzazione dell’intera opera.

Il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica ha sbloccato oggi i fondi di 234 milioni di euro per il collegamento autostradale Campogalliano-Sassuolo. La realizzazione del primo stralcio, proposta dall’Anas, consentirà un collegamento con lo scalo ferroviario di Marzaglia e la ricucitura tra la tangenziale di Modena e Rubiera. Il Cipe però ha rinviato a novembre la decisione sul resto dell’opera per il quale l’Anas dovrebbe procedere alla gara con la formula del project financing. “La Bretella è sempre più vicina – ha commentato il sindaco di Sassuolo Luca Caselli – da sogno della sinistra ogni giorno che passa si appresta sempre più a diventare realtà. A Settembre – conclude Caselli – andrò personalmente a Roma dal Ministro Matteoli per verificare, discutere e concordare i tempi tecnici di un’infrastruttura d’importanza fondamentale per la nostra città”. L’ex sindaco Graziano Pattuzzi esprime, invece, grande preoccupazione per le scelta del Cipe perché la cifra stanziata consentirà di collegare l’A22 allo scalo merci, ma non di raggiungere Sassuolo. La divisione in due stralci, secondo Pattuzzi, rallenterà, infatti, l’intera realizzazione dell’opera. “Il rischio – ha affermato l’ex primo cittadino, ora consigliere del Pd – è quello di mettere una pietra tombale su un progetto vitale per il comprensorio ceramico per il quale sono state spese tante energie”. Una preoccupazione comune al presidente della Provincia Emilio Sabattini, che continuerà a “fare pressione affinché il percorso non rimanga incompiuto”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC