in:

Per quanto riguarda la vendita di alcolici ai minori, Coop Estense, già a partire da gennaio, porta avanti una iniziativa per il contrasto all’abuso da parte dei giovani.

Già a partire dal primo gennaio 2009 Coop Estense ha vietato la vendita di bevande alcoliche ai minori con la soglia addirittura dei 18 anni e non dei 16. Si tratta di una campagna nazionale voluta da Coop con l’obiettivo di arginare il fenomeno preoccupante del consumo di alcol da parte dei giovanissimi. Secondo l’Istituto Superiore di Sanità in Italia, infatti, ogni 100 ricoveri per intossicazione, 17 sono a carico di giovani al di sotto dei 14 anni di età e oltre 740mila minori adottano abitualmente comportamenti considerati a rischio come il bere per ubriacarsi e il consumo quotidiano fuori dai pasti. Sassuolo come Milano Dopo Milano, da oggi anche a Sassuolo è vietata la somministrazione, la vendita e il consumo di bevande alcoliche ai minori di 16 anni. Il Sindaco Luca Caselli ha firmato questa mattina l’ordinanza che comporta sanzioni di 500 euro per chi vende e di 200 euro per chi consuma. “Si tratta di un’ordinanza – ha commentato il Sindaco – che punta essenzialmente alla tutela della tranquillità delle famiglie e dell’incolumità di quei ragazzi che, spesso, in compagnia per sentirsi più alla moda, fanno uso di bevande alcoliche senza rendersi conto dei rischi in cui incorrono; rischi legati alla dipendenza ma anche all’incolumità fisica se, dopo aver bevuto, si mettono alla guida di ciclomotori sulle strade cittadine.”.


Riproduzione riservata © 2018 TRC