in:

L’ateneo modenese all’avanguardia per rendere la ricerca medica sempre più efficace ed efficiente: pubblicato su tutte le più importanti riviste scientifiche il protocollo Prisma.

Le revisioni sistematiche sono una valutazione su tutti gli studi e le ricerche, in campo medico, che riguardano lo stesso medicinale, terapia o malattia. Hanno il compito di stabilire, tra le tante possibilità sperimentate e giunte più o meno a buon fine, quale sia la strada migliore, la cura più efficace e con meno conseguenze. Ottimi risultati, con queste valutazioni, sono stati ottenuti per i farmaci oncologici. Spesso però le revisioni sistemiche adottano criteri diversi ad ogni esame, arrivando a risultati a volte persino contrastanti. Ma l’Università di Modena e Reggio Emilia, in collaborazione con l’Università di Oxford e l’Ottawa hospital canadese, ha messo a punto una sorta di protocollo con precise linee guida per effettuare le revisioni sistemiche, denominato Prisma. Ieri il progetto è stato pubblicato simultaneamente sulle 5 più prestigiose riviste scientifiche internazionali, evento raro che sottolinea l’importanza del lavoro svolto. A Modena a Prisma hanno lavorato i professori Alessandro Liberati e Roberto D’Amico.


Riproduzione riservata © 2018 TRC