in:

Ha riaperto oggi al culto, dopo un lungo intervento di restauro, la Chiesa di San Biagio, nel cuore della città. Recuperate anche le preziose opere in essa conservate, lesionate dal tempo e dai terremoti.

Ricorre oggi la solennità della Madonna del Carmine, patrona della Parrocchia di San Biagio. La cui chiesa, dopo 19 anni di restauro, rivede ora la luce, riaprendo le porte ai propri fedeli. La lunga serie di interventi era iniziata nel 1990, dopo che la Chiesa era rimasta lesionata, due anni prima, da una forte scossa di terremoto. Ma nel 1996, un nuovo sciame sismico aveva reso parzialmente inagibile l’edificio, sottoposto ad interventi di urgenza e, successivamente, a sofisticate opere di consolidamento. Oltre al recupero degli affreschi di Mattia Preti, detto Il Calabrese. La chiesa, di proprietà del Comune di Modena, è principalmente luogo di culto. Potrebbe invece allargarsi a spazio a disposizione della città l’annesso e pregevole chiostro.


Riproduzione riservata © 2018 TRC