in:

Invasione di serpenti a Carpi: in realtà si tratta di innocui rettili, persino protetti, che con l’arrivo del caldo si spostano anche vicino alle case o ai parchi. Molte le segnalazioni arrivate in Comune.

Sarà colpa dei tanti film sui rettili assassini, o forse è perchè questi animali a sangue freddo ricordano gli antichi dinosauri, fatto sta che sono molte le persone che rabbrividiscono davanti a un serpente, pericoloso o meno che sia. Per questo, probabilmente, al settore ambiente del Comune di Carpi, in questi giorni stanno arrivando diverse segnalazioni di cittadini preoccupati per la presenza di animali striscianti in cortili privati e aree verdi pubbliche. Dall’amministrazione comunale spiegano che si tratta di serpenti innocui, come il biacco e la natrice, molto comuni nel modenese e che con l’arrivo del caldo, e del loro periodo riproduttivo, si spostano più spesso, anche avvicinandosi alle zone abitate. Si ricorda che sono animali protetti, la loro inutile uccisione è punita con sanzioni severe, e che sono molto importanti per il mantenimento dell’equilibrio faunistico. Si nutrono infatti di topi e insetti, non portano malattie e reagiscono solo se attaccati. Comunque il loro morso è superficiale e può essere curato semplicemente disinfettando la ferita. Sono animali che temono l’uomo e in genere si allontanano in fretta dai luoghi abitati. Se la loro presenza infastidisce, in genere basta un po’ di rumore per farli allontanare. In ogni caso, per informazioni o consigli, si può contattare il settore ambiente di Carpi, allo 059 649081.


Riproduzione riservata © 2016 TRC