in:

Cgil e Uil puntano il dito contro le promesse fatte dal Governo in merito al carcere Sant’Anna. Meno rinforzi e meno trasferimenti del previsto.

“Una boutade elettorale”, così definiscono Cgil e Uil l’annuncio dell’arrivo di 40 nuovi agenti della penitenziaria per il Sant’Anna e il contestuale trasferimento di 150 detenuti, riportato qualche settimana fa dall’onorevole del Pdl, Isabella Bertolini. Secondo i due sindacati, infatti, fonti ufficiali del ministero di Giustizia avrebbero informato che solo 50 carcerati verrebbero trasferiti, e forse solo 20 nuovi agenti della penitenziaria, che arriverebbero a ottobre, sarebbero stati decisi per il carcere modenese. Tutto questo in presenza di un ampliamento del Sant’Anna che comporterà ulteriore lavoro e aggraverà il problema dell’organico, aggiungono Cgil e Uil della polizia penitenziaria. I sindacati sottolineano come già ora gli agenti registrino 5mila ore di straordinario pagate solo parzialmente, e puntano il dito contro le disumane condizioni di vita dei detenuti.


Riproduzione riservata © 2016 TRC