in:

Meno utili, più vendite. Il bilancio 2008 di Coop Estense, approvato stamattina al Forum Monzani, conferma lo straordinario sforzo compiuto dalla cooperativa modenese per contenere l’inflazione e ridurre i prezzi a vantaggio di soci e consumatori.

Calo dei consumi, inflazione, crisi. L’anno orribile dell’economia mondiale, fatto di cassa integrazione, riduzione degli investimenti e della produzione, ha solo sfiorato Coop Estense che ha chiuso il bilancio 2008 con numeri in crescita. Sono aumentate le vendite arrivate a superare i 1316 milioni di euro, il 3% in più rispetto al 2007, percentuale identica all’incremento dei soci, oltre 583mila. In crescita anche i lavoratori, 5380, il 93% dei quali assunti a tempo indeterminato. Numeri che descrivono una cooperativa forte e solidale, impegnata in prima linea a contenere l’inflazione e a tutelare il potere di acquisto di soci e consumatori. 60 milioni, il risparmio complessivo garantito alle famiglie con le misure messe in campo nell’anno, dalla riduzione del 4% del prezzo di 28 categorie merceologiche al raddoppio dello sconto sulla Family card sino allo stanziamento di oltre 4 milioni e 200mila euro per il ristorno ai soci. Misure che hanno ridotto l’utile di esercizio a meno di 9 milioni, anche perché Coop Estense non ha rinunciato agli investimenti, basti pensare a Spesa e via e al Videocatalogo, e alla solidarietà, con 900 tonnellate di merce destinate alle associazioni di volontariato per l’assistenza dei bisognosi. L’assemblea dei soci di Coop Estense ha anche consentito un approfondimento sui prodotti a marchio Coop, sempre più graditi dai consumatori. Gli ultimi sono stati gli attrezzi da lavoro, il prossimo, dal 15 giugno, sarà il paracetamolo, farmaco contro l’influenza, stiamo parlando dei prodotti a marchio Coop, sempre più acquistati e apprezzati dai consumatori per qualità, prezzi vantaggiosi e garanzie di sicurezza. Stamattina, nel corso dell’Assemblea dei soci di Coop Estense, il presidente del Consiglio di gestione Coop Italia, Vincenzo Tassinari, e Domenico Brisigotti, direttore dei prodotti a marchio Coop, hanno illustrato come nasce un prodotto a marchio, soffermandosi sui controlli, sul progetto sicurezza e sul coinvolgimento dei soci come assaggiatori.


Riproduzione riservata © 2016 TRC