in:

Oltre ottomila votanti al Parco Ferrari all’Assembela dei soci della Banca Popolare dell’Emilia. Guido Leoni eletto alla presidenza della banca. Ancora sconfitto l’avvocato Samorì. Nel Cda entra anche il presidente di Coop Estense Mario Zucchelli.

Oltre ottomila votanti al Parco Ferrari all’Assembela dei soci della Banca Popolare dell’Emilia. Guido Leoni eletto alla presidenza della banca anche se già si sa che ci saranno strascichi giudiziari. Ad annunciare il ricorso agli organismi di controllo, è stato pochi minuti fa, l’avvocato Samorì di Bper Futura e di Modena capitale candidato alla presidenza della banca della lista 2 che contesta il regolamento e lo statuto dell’istituto di credito che assegnano alle minoranze un solo consigliere su 18, l’avvocato Chiossi, eletto l’anno scorso. Oggi però Samorì ha dovuto incassare, al termine di un’infuocata Assemblea durata oltre nove ore, una nuova sconfitta. 6750 i voti andati alla lista 1, capeggiata dall’ex amministratore delegato e da pochi minuti nuovo presidente della Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Guido Leoni, 1547 quelli andati alla lista 2, 300 in più dell’anno scorso quando Samorì si fermò a 1221. Netto comunque il distacco e Bper Futura che non avrà nemmeno il presidente dei revisori dei conti, che andava di diritto alla lista di minoranza più votata, risultata alla fine essere la lista tre del bolognese Francesco Serantoni. Un’assemblea molto partecipata con il PalaBper, allestito per l’occasione tutto esaurito e anche toccante da un punto di vista emotivo, quando hanno preso la parola i vertici della Carispaq, la Cassa di risparmio dell’Aquila. Tra le novità più significative, l’elezione nel consiglio di amministrazione della Banca Popolare dell’Emilia Romagna di Mario Zucchelli, presidente di Coop Estense. Un ingresso che segna l’incontro tra due grandi realtà cooperative del modenese, capaci di investire con successo nel sud del Paese. Oggi è stata anche la prima volta del nuovo amministratore delegato Fabrizio Viola, arrivato lo scorso autunno alla guida del Gruppo Bper dalla Popolare di Milano. “Entro maggio – ha annunciato Viola – decideremo come aumentare la patrimonializzazione della banca e se ricorrere ai Tremonti bond”. Per la quotazione al listino principale di piazza affari del titolo, invece, ancora non c’è la data certa, anche se con ogni probabilità avverrà nel secondo semestre di quest’anno.


Riproduzione riservata © 2016 TRC