in:

Uno scenario mai visto in tanti anni di interventi. Questo hanno trovato, a Villa S.Angelo, i volontari modenesi tornati dall’Abruzzo ieri, dopo aver fatto parte della prima colonna mobile della protezione civile regionale, inviata qualche ora dopo il disastroso sisma.

Archiviato il giorno del dolore, quello dei funerali solenni, gli sfollati dell’Aquila tornano a fare i conti con la quotidianità. E alla tendopoli di Villa S.Angelo, nel campo gestito dalla Protezione civile dell’Emilia Romagna, ci si prepara alla Pasqua. Una piccola comunità che accoglie oltre 400 persone: gente con una grande forza di volontà, capace di vivere il dolore con dignità e compostezza, senza mai lasciarsi vincere dallo sconforto, come ci hanno raccontato i due volontari partiti per l’Abruzzo qualche ora dopo il sisma Davide Baracchi e Giuseppe Veronesi, della Protezione Civile di Modena. Domani, sempre da Modena, partiranno altri 20 volontari diretti al campo che, tra qualche settimana, potrebbe essere interamente gestito dalla nostra protezione civile. Che chiede ai modenesi, fortemente impegnati in un’ampia catena di solidarietà, di continuare su questa strada per evitare che, una volta spenti i riflettori, ci si dimentichi della tragedia abruzzese.


Riproduzione riservata © 2016 TRC