in:

Studenti, lavoratori e pensionati insieme questa mattina per manifestare contro la politica del Governo Berlusconi. Uno sciopero di quattro ore è stato, infatti, indetto dalla Cgil.

“Futuro sì. Indietro no”. E’ questo lo slogan della mobilitazione della Cgil, scesa in piazza questa mattina a Modena per uno sciopero provinciale di quattro ore. La mobilitazione ha coinvolto i settori della scuola, i chimici-ceramisti, il tessile-abbigliamento, gli edili, i grafici, gli addetti dei comparti spettacolo, trasporto, facchinaggio, agroindustria e agricoltura. Lo sciopero provinciale rilancia le motivazioni della manifestazione nazionale del 4 aprile: contro la politica economica del Governo e per il rilancio dell’economia. Questa mattina erano alcune migliaia, secondo gli organizzatori 5mila, i lavoratori, studenti e pensionati che hanno preso parte alla protesta in centro storico. Dopo il corteo, che si snodato lungo la via Emilia, si è tenuto un comizio davanti alla sede della Prefettura.


Riproduzione riservata © 2016 TRC