in:

Toccante cerimonia, ieri, a Roma, in ricordo di Paola Manzini, a meno di due mesi dalla sua scomparsa.

Una “rezdora” della politica proprio nel senso modenese del termine, ovvero colei che regge, tiene le redini e governa. La definizione è dell’ex presidente della Camera Luciano Violante, uno dei politici chiamati a ricordare l’ex parlamentare vignolese Paola Manzini, a meno di due mesi dalla sua prematura scomparsa. La cerimonia si è tenuta ieri a Roma nella sala del gruppo parlamentare del Pd, a fianco di Montecitorio. Accanto alla figlia Giulia e al compagno Giancarlo Muzzarelli, gli amici venuti da Vignola, ma anche i dirigenti del Partito democratico: c’erano gli ex segretari Piero Fassino e Valter Veltroni, l’attuale segretario Dario Franceschini, Rosy Bindi e Anna Finocchiaro, Luigi Berlinguer e Pierluigi Bersani. Toccante il ritratto di Paola Manzini tracciato dalla reggiana Elena Montecchi con cui, dal ’94, entrambe matricole alla Camera, la Manzini divise l’appartamento nella capitale: “la sorella che non ho avuto in sorte” ha ammesso la Montecchi. Non rituale il ricordo degli ex presidenti della Camera Pierferdinando Casini, nel cui quinquennio la Manzini rivestì il ruolo di Questore, e Luciano Violante.


Riproduzione riservata © 2016 TRC