in:

Volontari e polizia municipale a difesa del parco delle Rimembranze: parte un progetto sperimentale per rendere più fruibile l’area verde che costeggia i viali. Parola d’ordine: lotta al degrado, alla maleducazione, ai reati.

Per allontanare eventuali spacciatori ma anche per dissuadere comportamenti maleducati se non illeciti, come l’abbondare i rifiuti, scendono in campo, a difesa del parco delle Rimembranze, le guardie ecologiche volontarie della Provincia, le guardie ambientali di Legambiente e gli ispettori di Hera. I volontari saranno coordinati dall’Unità di sicurezza urbana e dalla polizia municipale, e per un anno il mercoledì e il sabato pomeriggio, oltre a tutta la domenica, passeggeranno nell’area verde: incontreranno i cittadini, li inviteranno a tenere comportamenti corretti, ma potranno sanzionare chi getta rifiuti a terra o danneggia gli alberi, e segnaleranno invece alle forze dell’ordine presenze sospette o possibili reati. Per ora è una sperimentazione.


Riproduzione riservata © 2016 TRC