in:

Mentre a Roma si prende tempo per la legge relativa al testamento biologico, a Modena si va avanti con l’amministratore di sostegno. Altre tre nomine firmate dal giudice tutelare, ora sono nove in totale, e altre due sono al vaglio dei notai.

Roma prende tempo sul testamento biologico, non così Modena, che continua a presentare richieste per l’amministratore di sostegno. Le ultime tre nomine sono appena state firmate dal giudice tutelare Guido Stanzani, portando a nove il numero complessivo. E altre due sono già arrivate nei studi dei due notai di Modena che prestano gratis il loro supporto. Qualche caso è stato presentato anche in altre città. E mentre in consiglio comunale a Modena è stato presentato un ordine del giorno per istituire il registro delle dichiarazioni anticipate in tema di trattamenti sanitari, e anche alcuni cattolici, come la Comunità cristiana del Villaggio artigiano, si dicono più possibilisti verso l’autodeterminazione, si attende la legge, che potrebbe cambiare non poco le carte in tavola.


Riproduzione riservata © 2016 TRC