in:

Maestro unico, bocciato senza appello; un bel 10 al tempo pieno. Alla riprova dei fatti, le iscrizioni per il prossimo anno scolastico, le famiglie modenesi hanno scelto in modo quasi plebiscitario.

57 in tutta la provincia su 5979 bambini iscritti in prima elementare. 57 non uno di più, gli alunni che per il prossimo anno scolastico hanno chiesto le 24 ore, la nuova organizzazione oraria introdotta dal Governo con la riforma Gelmini. Una bocciatura clamorosa per il maestro unico e per il ritorno alle elementari di trent’anni fa, quella in cui si andava a scuola solo al mattino, per quattro ore, dal lunedì al sabato. Un dato, quello modenese, che accentua la tendenza nazionale e sconfessa, come era per altro assai prevedibile, i piani del Ministero. Basti pensare che il 73% delle famiglie che ha iscritto i figli in prima elementare ha scelto il tempo pieno, le 40 ore con due maestre, che hanno fatto la fortuna della scuola primaria modenese in questi anni, consentendo anche di accogliere senza troppi traumi un numero elevatissimo di alunni stranieri. Le altre due possibilità, 27 e 30 ore, sono invece state scelte rispettivamente dall’11 e dal 15% delle famiglie. E adesso la palla torna al Ministro Gelmini che, presentando la riforma, si era impegnata comunque a rispettare la scelta delle famiglie. Un impegno che oggi la Cgil modenese ricorda al Ministro, sollecitandola a rivedere i tagli agli organici dei maestri previsti dalla Finanziaria, in modo da garantire il tempo pieno a tutti i genitori che ne hanno fatto richiesta. E per farlo l’Ufficio scolastico provinciale non potrà nemmeno pensare di aumentare il numero di bambini per classe. La media provinciale di 23 è già tra le più alte in Italia. Maestro unico bocciato, mentre l’invito ad una maggiore severità alle superiori sembra essere stato raccolto dai professori. Quasi 20mila studenti su 28mila hanno avuto un’insufficienza al termine del primo quadrimestre; 305 quelli con 5 in condotta, voto che se confermato a fine anno comporterebbe per loro la bocciatura.


Riproduzione riservata © 2016 TRC