in:

“L’Italia non valorizza il proprio patrimonio archeologico”. A dirlo, stamattina agli studenti del Liceo Muratori, il professor Salvatore Settis che mercoledì scorso, in aperta polemica con i tagli del Governo, si è dimesso da presidente del Consiglio superiore dei beni culturali.

Ieri Paolo Rossi, oggi il professor Salvatore Settis, insegnante di archeologia classica e direttore alla Normale di Pisa e sino a mercoledì scorso presidente del Consiglio superiore dei beni culturali. Dalla parola provocatoria al patrimonio archeologico, vittime entrambe di una modernità che sembra dimenticare le origini classiche. E stamattina, agli studenti del Liceo Muratori, il professor Settis ha spiegato l’importanza di battersi contro la svendita del patrimonio culturale italiano. Una battaglia che è all’origine delle dimissioni rassegnate mercoledì e della polemica con il Ministro Bondi. “Carenza di fondi, ma anche di personale, con le soprintendenze sempre più a corto di risorse giovani”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC