in:

Crescono in provincia di Modena gli infortuni di lavoratori stranieri. Del tema si è discusso questa mattina nel primo appuntamento di “Baden Ya – L’Africa continua a chiamare”.

Di storie come quella di Ousmane a Modena ed in Italia ce ne sono molte. I dati relativi agli incidenti che riguardano lavoratori stranieri sono, infatti, in costante aumento. In un quadro generale di riduzione degli infortuni, quelli che hanno coinvolto gli immigrati sono in controtendenza: tra il 2005 e il 2007 sono passati da 4.846 a 5.557. L’incremento è dovuto alla crescita degli occupati, ma anche alla mancanza di informazione. I settori con il maggior numero si infortuni a lavoratori stranieri sono quello delle costruzioni, dei trasporti e dell’industria metalmeccanica; mentre le etnie con il maggior numero di occupati in provincia di Modena sono, nell’ordine, Marocco, Tunisia, Albania, Ghana, Romania e Pakistan. Di questi temi si è parlato questa mattina in un incontro presso la sede dell’Inail. Informare e formare sui rischi che si corrono, diffondere la cultura della sicurezza, sensibilizzare datori di lavoro e lavoratori e stimolare comportamenti positivi erano gli obiettivi dell’iniziativa. Sempre questa mattina è stato proiettato il film dal titolo “Morire di lavoro” del regista Daniele Segre.


Riproduzione riservata © 2016 TRC