in:

Il sistema cooperativo come argine alla diffusione della ‘ndrangheta nel modenese. Lo ha affermato lo scrittore Nicaso, oggi in città insieme al procuratore Gratteri per un incontro con le scuole.

Il sistema cooperativo come argine di sbarramento alla penetrazione mafiosa nel tessuto economico modenese e, più in generale, emiliano. E’ la tesi sostenuta dallo scrittore Antonio Nicaso, storico e massimo esperto del fenomeno ‘ndrangheta, oltre che autore insieme al magistrato Nicola Gratteri del libro Fratelli di sangue, dedicato appunto alla realtà della mafia calabrese. Nicaso e Gratteri hanno incontrato questa mattina al Forum Monzani i ragazzi delle superiori modenesi. Un’iniziativa promossa dall’Itis Corni e dalla Consulta provinciale degli studenti nell’ambito di un progetto di educazione alla legalità.


Riproduzione riservata © 2016 TRC