in:

Questa mattina è stata ricordata la battaglia di Budrione di Carpi a sessantaquattro anni di distanza. Per ricordare i valori fondanti della Costituzione e la lotta di un popolo

“ Noi abbiamo combattuto per quelli che c’erano, per quelli che non c’erano e anche per chi era contro”. Antonio Pizzinato, presidente dell’Anpi lombarda, parlamentare fino al 2006 e segretario della Cgil dall’86 all’88, nel suo intervento ricorda una frase di Arrigo Boldrini, lo storico comandante Bulow, in occasione della rievocazione della Battaglia di Budrione. Combattimento nel quale venne ucciso Angelo Cavalletti, comandante partigiano, medaglia d’argento al valor militare. Presenti gli amministratori di Carpi, Novi, Fabbrico e Rio Saliceto e tanti partigiani, ai quali è stata consegnata una pergamena in ricordo del loro impegno per la democrazia e libertà. “Valori che vengono messi in dubbio da una pericolosa campagna di revisionismo e falsificazione storica che vorrebbe equiparare partigiani, deportati e repubblichini” hanno sottolineato i presenti. “Ricordare, tenere alta la guardia per non perdere un’identità che si basa sulla carta costituzionale per impedire una regressione culturale del concetto di democrazia”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC