in:

I dirigenti scolastici non riescono più a garantire le supplenze e il deficit annuale è in costante aumento, nonostante il calo delle assenze. Intanto entro fine febbraio scadono i termini per le iscrizioni alle elementari.

La scelta, da fare entro il 28 febbraio, quest’anno è quanto mai complessa. Con la riforma Gelmini e l’arrivo del maestro prevalente, ora i genitori che iscrivono i figli alle elementari, devono scegliere tra quattro diversi orari: 24, 27, 30 e 40 ore. Un bel rebus, ma non è niente rispetto a quello che devono risolvere i dirigenti scolastici, letteralmente al verde. Come ci ha raccontato stamattina Franco Fondriest, storico direttore dell’ottavo circolo di Modena, da trent’anni in prima linea e ormai convintosi ad andare in pensione con un anno di anticipo. Fondi insufficienti, rimborsi statali che non arrivano, budget per le supplenze inferiore della metà al necessario, nonostante le assenze negli ultimi quattro mesi del 2008 si siano dimezzate, effetto Brunetta. Una situazione insostenibile cui a Modena sopperiscono come possono gli enti locali, anche se nel dubbio sono in aumento le famiglie che si rivolgono ad istituti privati.


Riproduzione riservata © 2016 TRC