in:

Il sottosuolo dell’Area Nord è una risorsa ricca di energia per tutta la comunità. A confermarlo è uno studio geologico, finalizzato alla ricerca di potenziali serbatoi geotermici a bassa entalpia, che evidenzia le potenzialità del territorio come riserva di bacini di acqua calda.

Sapete qual’è, secondo le mappe, una delle zone dove risulterebbe più opportuno creare un campo pozzi? Il territorio sotto Rivara, proprio lì dove, in profondità, Igm vorrebbe costruire il più grande deposito italiano di gas. Perchè, dunque, tenendo conto dell’unanime bocciatura nei confronti di questo progetto, non sfruttare la potenzialità che il sottosuolo, naturalmente, offre? A chiederselo è il sindaco di Mirandola Luigi Costi, comune nel quale lo studio geologico è stato condotto per conto di Aimag.Mirandola sta già muovendosi in questa direzione con un intervento progettato da Aimag di cogenerazione e teleriscaldamento che potrebbe essere alimentato per il 40% circa da energia geotermica. Per questo, proprio riguardo Rivara, risulta necessario cominciare a discutere oltre che della sicurezza, questione cruciale che vede impegnati su tutta la linea gli enti locali, anche di politiche energetiche, sfruttando al meglio le risorse disponibili per produrre energia pulita a costo zero per la comunità e soprattutto senza rischi.


Riproduzione riservata © 2016 TRC