in:

Passata l’emergenza neve, per domani si profila già un nuovo allerta maltempo. Questa volta sarà la pioggia a cadere fitta, dicono gli esperti. Complice poi l’aumento delle temperature in quota, il rischio è che aumentino troppo i livelli di Secchia e Panaro.

Nuovo allerta della protezione civile dell’Emilia Romagna, per l’arrivo di una perturbazione che tra domani e mercoledì porterà pioggia battente anche su Modena e provincia. A preoccupare gli esperti è soprattutto l’innalzamento delle temperature, che potrebbe determinare lo scioglimento di buona parte della neve caduta sull’appennino nelle scorse settimane. Le precipitazioni, spiega Luca Lombroso, dell’Osservatorio dell’università di Modena e Reggio Emilia, interesseranno soprattutto l’Appennino e la zona del crinale da domani pomeriggio, e saranno accompagnate da forte vento da sud-ovest. Si attendono anche 50 millimetri d’acqua in 6 ore. Piogge meno violente, ma diffuse, in pianura dove la temperatura, che nel pomeriggio di oggi era di circa 3 gradi potrebbe toccare i 13. Questo repentino innalzamento della colonnina di mercurio anche in quota – continua Lombroso – scioglierà il manto bianco fino ai 1200 metri, e solo sopra i 1800 metri cadrà la neve. Il pericolo è quindi l’ingrossamento dei fiumi, atteso per mercoledì mattina, quando il maltempo dovrebbe attenuarsi. Secchia e Panaro saranno monitorati con attenzione dai tecnici della protezione civile. Solo un mese fa i due fiumi avevano superato i livelli di guardia, tenendo la città e la provincia con il fiato sospeso per molte ore, in attesa del passaggio della piena, che per fortuna non ha fatto danni eccessivi.


Riproduzione riservata © 2016 TRC