in:

Asili aziendali e interaziendali che possano offrire alle famiglie un servizio in più per una conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Questo il tema di un workshop che si è tenuto questa mattina per individuare un progetto unitario da parte della cooperazione modenese.

Il primo asilo aziendale del Comune di Modena è stato quello di via del Pozzo legato al Policlinico, poi è nato quello della Tetrapak, quello dell’Unicredit e quello della Banca Popolare dell’Emilia Romagna. Tutte esperienze all’avanguardia per la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, ma soprattutto un servizio che risponde alle esigenze di donne lavoratrici che possono portare i loro bambini a scuola direttamente all’interno all’azienda. Su questo tema si è tenuto questa mattina un workshop che ha visto il Comune di Modena e le cooperative aderenti a Legacoop e Confcooperative lavorare insieme per discutere di risposte concrete ed unitarie da parte della cooperazione modenese in tema di nidi aziendali e interaziendali. L’obiettivo finale del workshop era quello di arrivare, attraverso un’analisi di fattibilità, ad una successiva formulazione e presentazione di una proposta progettuale in merito.


Riproduzione riservata © 2016 TRC